1064 0

IL CAFFÈ ALLUNGA LA VITA

Pierangelo Chiarelli CURIOSITÀ lunedì, ottobre 30, 2017

BASTA UNA TAZZINA AL GIORNO

La caffeina ha un’azione rapida, 5 minuti dopo l’assunzione è già presente nei liquidi tessutali e in circa 20-30 minuti, arriva al cervello e raggiunge i livelli ematici.

In 6 /12 ore, l’organismo ha utilizzato tutta la caffeina (solo 1% non viene metabolizzato e quindi eliminato).Il caffe è uno stimolante celebrale e muscolare, Judith Wurtman, una eminente ricercatrice dei rapporti tra alimentazione e umore dichiara: “la caffeina è uno stimolante del benessere mentale, non si tratta di iperboli pupplicitari dei produttori di caffè, ma di un fatto scientificamente provato”. La Wurtman, interpreta i risultati di una ricerca effettuata dal Dott.Harris Lieberman, psicologo al Dipartiment of Braian and Cognitive Sciences dek Mit cos’:”in una parte dei volontari, dopo aver preso la dose mattutina minima di caffeina(32 milligrammi), l’effetto stimolante sul cervello e sul sistema nervoso, provocava un aumento della velocità di pensiero e di reazione, una maggior vigilanza, precisione e un prolungamento del tempo di attenzione”. L’anziano spesso accusa giramenti di testa al mattino a dopo aver mangiato, il loro sistema nervoso non è in grado di mantenere un’adeguata pressione sanguigna. Un gruppo di medici della Vanderblt University School of Meducine, raccomanda per eliminare questo inconveniente negli anziani, di assumere 2 tazze di caffè al mattino, questo consente di normalizzare il flusso del sangue, prevenire capogiri e mantenere l’equilibrio. Nell’anziano il caffè, come risulta da numerose ricerche, aiuta a mantenere la mente attiva e vigile, oltre ad aiutarli a mantenere una pressione sanguigna, tale da non provocarle malori, giramenti di testa, un sicuro vantaggio per il loro benessere. Il caffè è comunque una sostanza che deve essere assunta con moderazione, limitandone l’assunzione ad un paio di tazze al giorno, per poter beneficiare degli effetti positivi che può avere sul nostro organismo.

(fonte: www.alimentazione-benessere.it)

Commenti

Lascia un commento